La web radio dell’I.I.S.S Roberto Rossellini nasce dalla volontà di alcuni studenti di cimentarsi nella creazione di una web radio scolastica gestita da loro stessi.
Attraverso numerosi scambi di idee fra alcuni alunni e professori, il progetto è stato posto all’attenzione della Preside dell’Istituto, Maria Teresa Marano, che si è mostrata pronta a cooperare con i ragazzi.
Presto l’emittente ha trovato una propria identità, prendendo il nome di RadioRossellini, attività inserita inserito all’interno del laboratorio creativo “Officina”. Coinvolgendo un ampio numero di studenti si è formato un gruppo di lavoro.
Il passo successivo è stato definire una linea editoriale, ideare i programmi radiofonici e stabilire un palinsesto. In occasione della XI edizione della Festa del Cinema di Roma sono partite le prime dirette e i ragazzi hanno avuto il primo approccio con il mondo radiofonico.
All’interno di questo percorso, mentre a fine ottobre 2016 il nostro Paese veniva colpito da un altro terremoto, un docente dell’Istituto Rossellini nativo di Norcia si è attivato al fine di assistere la popolazione nursina. Tra le idee emerse per supportare i territori colpiti dal sisma, c’è stata anche quella di utilizzare il progetto della web radio d’istituto per creare un’emittente gemella a quella romana presso un’altra scuola. Così è nata la collaborazione con l’Istituto Omnicomprensivo A. De Gasperi – R. Battaglia di Norcia, con lo scopo di supportare attività culturali e aggregative, riportando l’attenzione al patrimonio storico e artistico duramente colpito dal sisma
E’ stato quindi attivato un progetto di rete tra Roma e Norcia grazie alle donazioni private dello studio di Consulenza del Lavoro Stern – Zanin, della SIAE, della software house MB Soft, di New Radio srl, della piattaforma Spreaker e le Onlus Athenaeum N.A.E. e Amici delle Missionarie dell’Immacolata.
Il progetto di gemellaggio prevede che gli studenti delle due scuole collaborino fra loro, scambiandosi idee, ma soprattutto competenze sulle tecniche della comunicazione. In questo senso i ragazzi di Roma, armati di buona volontà e desiderio di aiutare i loro coetanei, hanno cominciato a trasferire le proprie conoscenze e la loro creatività agli studenti nursini.